EasyCrypt 0.2.2.4: update importante

Questo è un post tecnico di 9 anni fa. Le istruzioni potrebbero non essere più valide.

ec.pngÈ stata rilasciata dal buon Steven la nuova versione di EasyCrypt con un update a cui prestare molta attenzione.
Truecrypt, il software alla base di EasyCrypt, non permette l’uso di lettere accentate nelle proprie password, in modo da garantire la portabilità dei propri archivi. EasyCrypt, al contrario, permetteva (almeno fino alla versione 0.2.2.2) l’uso di queste lettere nelle proprie password.
Steven si è accorto di questa incongruenza e nella versione 0.2.2.4 (l’attuale) ha adeguato il comportamento di EasyCrypt a quello di Truecrypt.
Il risultato è che chi aveva creato un file Crypt (il file-contenitore) con password contenente lettere accentate (non US-ASCII printable characters), aggiornando alla versione 0.2.2.4 non può montare il proprio drive cifrato. Bisogna fare un downgrade momentaneo alla versione precedente, cambiare la password eliminando le lettere accentate e poi aggiornare alla versione attuale.

Se vi trovate in questa situazione (a me è capitato), procedete così:

  1. se avete già aggiornato alla versione 0.2.2.4 e non potete montare il vostro Crypt, disinstallate momentaneamente questa versione:
    sudo apt-get remove --purge easycrypt
    1. se non avete ancora aggiornato, procedete comunque al cambio della password del vostro crypt (punto 3)
  2. recatevi qui, scaricatevi la versione 0.2.2.2 e installatela con un doppio clic
  3. avviate EasyCrypt dal vostro menu e senza montare il drive fate clic destro sull’icona nella vostra tray e selezionate “Cambia la password del Crypt”
  4. impostate una password senza accenti
  5. finita l’operazione, potete aggiornare alla versione attuale di EasyCrypt.

Personalmente non riesco a capire perché non permettere a chi usa una tastiera non-US (come la nostra) l’uso di questi caratteri.
Il cambio della password contenente lettere accentate, comunque, è importante perché se volete aprire il vostro file Crypt da terminale, Truecrypt non vi permette di farlo. Bella seccatura!

Autore: Aldo Latino

Aldo Latino usa con entusiasmo Linux nella distribuzione Ubuntu, è un appassionato di WordPress e si diletta a fare il blogger. Ha anche una lista dei desideri. Per altre informazioni visita la sua .