40 WordPress Optimisation tips di J. De Valk

Questa è la presentazione che Joost de Valk ha tenuto all’A4UExpo Europe su Ottimizzazione di WordPress e la condivido con voi. Magari trovate qualche suggerimento interessante. Un profilo di Joost potete leggerlo nella pagina dei relatori, mentre un po’ del lavoro da lui fatto per WordPress lo trovate nella sua pagina dei plugin (qualcuno l’ha fatto!).

La tavoletta Wacom e Gimp

Se Gimp non riconosce correttamente gli strumenti dello stilo della vostra Wacom come la pressione e la gomma, quest’articolo spiega in modo semplice come farglieli riconoscere senza alcuna difficoltà.

gimp-bigPer eseguire oggi un piccolo lavoro su Gimp ho pensato di utilizzare la mia tavoletta Wacom 9×12, che non usavo da un bel po’. Attaccato il dispositivo, Jaunty l’ha immediatamente riconosciuta e su Nautilus funzionano correttamente tutte le parti dello stilo, compresi i pulsanti laterali (che eseguono il clic destro e il doppio clic). In Gimp, invece, non mi funzionano nel modo corretto l’eraser (cioè la “gomma”, il pulsante in cima allo stilo) e la pressione: la gomma funziona come un normale pennello, mentre della pressione neanche l’ombra. o.O

wacom_pen.pngSmanettando, però, con le preferenze di Gimp sono riuscito ad attivare anche queste funzioni.
Leggi tutto “La tavoletta Wacom e Gimp”

Ubuntistas, il periodico di Ubuntu-gr

Ieri sera una coppia di carissimi amici greci mi ha comunicato – con grande stupore da parte mia – di voler installare Linux in uno dei loro due computer e mi chiedeva come fare. Faccio loro presente che esistono tante “versioni” di Linux, tutte bellissime, e… mi bloccano dicendo: “Ci hanno parlato bene qui di U… Up… Upuntu…”! :D Li indirizzo, allora, verso il sito greco di Ubuntu e, non sapendo quale fosse l’URL, immagino un classico ubuntu-gr.org e … tac!, beccato! Spiego loro che da lì possono scaricarsi la ISO, masterizzarla e installarla nel loro PC: troveranno out-of-the-box tutto l’occorrente per i loro bisogni.

Alla fine della conversazione mi sono fatto un giro sul sito: per la verità non ho mai visitato altri siti internazionali oltre quello di ubuntu.com, per ovvie ragioni o forse perché non ci ho mai pensato. Ed ecco come si presenta la loro home, nel classico stile che ci contraddistingue:

ubuntu-gr
Leggi tutto “Ubuntistas, il periodico di Ubuntu-gr”

Impostare l’audio di Skype su Jaunty Jackalope

Ho avuto notizia che si ha qualche difficoltà nell’impostare l’audio di Skype su Jaunty. In effetti, a dire il vero, mi è capitato di aiutare qualche amico nel farlo correttamente. O almeno ho suggerito come io ho impostato l’audio su questa applicazione. Vi mostro una schermata, senza tanti fronzoli scritti:

skype-audio

Quindi tutto su Pulse tranne l’ingresso. Provate: magari così funziona!

I driver nVidia e il repository X Updates

nvidia_logo

Nel precedente articolo, mi sono appuntato il metodo per l’installazione dei driver prelevati direttamente dal sito di nVidia. Avere gli ultimi driver significa quasi sempre risolvere eventuali problemi legati alla versione in uso. Gli svantaggi di quel metodo sono che:

  • non si ricevono gli avvisi automatici per i successivi aggiornamenti;
  • se si esegue un aggiornamento del kernel, il driver non verrà ricompilato automaticamente da dkms, di cui si perde quindi il supporto.

Bisognerà allora procedere a mano per aggiornare il tutto (nuove versioni e ricompilazione, anche se col supporto degli strumenti di nVidia). C’è però un’altra soluzione: utilizzare il repository X Updates alternativo a quello ufficiale, curato dal team su Launchpad Ubuntu-X, tra i cui membri c’è il nostro Alberto Milone (ci si ricorderà di Envy, ora EnvyNG!).

Per poterlo usare sarà necessario aggiungere il repository all’elenco di quelli attuali. Aprire la propria lista:

sudo gedit /etc/apt/sources.list

e incollare queste righe:

## X Updates
## https://launchpad.net/~ubuntu-x-swat/+archive/x-updates
deb http://ppa.launchpad.net/ubuntu-x-swat/x-updates/ubuntu jaunty main
deb-src http://ppa.launchpad.net/ubuntu-x-swat/x-updates/ubuntu jaunty main

Preleviamo anche la chiave con cui vengono firmati i pacchetti:

gpg --recv-keys AF1CDFA9 && gpg --export AF1CDFA9 | sudo apt-key add -

Aggiorniamo l’elenco dei pacchetti e preleviamo gli aggiornamenti con:

sudo apt-get update && sudo apt-get dist-upgrade

Sarà sufficiente premere S alla eventuale domanda di nuovi aggiornamenti. Riavviare il server X o per essere sicuri riavviare direttamente la macchina. Adesso, con comodità, gli aggiornamenti saranno tutti automatici e senza troppi interventi manuali.

Driver nVidia e Ubuntu

Ho appena aggiornato i driver nVidia 180.44 sulla mia Jaunty alla versione 180.51. Tutto è andato benissimo e l’operazione è stata alquanto facile. Mi annoto qui i pochi passi per futuri utilizzi.

Il pannello di configurazione dei driver 180.51
Il pannello di configurazione dei driver 180.51

1. Installare alcuni strumenti di compilazione

Da terminale:

sudo apt-get install linux-headers-`uname -r` build-essential gcc xserver-xorg-dev pkg-config

Non sono certo che servano tutti: in ogni caso ci si ritrova con quello che certamente serve.

2. Disinstallare i driver dei repository

Penso che la cosa più facile per disinstallarli sia aprire Synaptic e cercare nvidia-: disinstallare tutti i pacchetti nvidia-* che si trovano installati, inclusi i file di configurazione.
Leggi tutto “Driver nVidia e Ubuntu”

nVidia e il sito Tim

Come dice Carlo di Tecnica Arcana, questo è il bug più strano che abbia mai visto! In sostanza, con i driver nVidia precedenti alla versione 180.51 può accadere che, visitando il sito di tim.it, il server X venga riavviato! o.O È successo a me già un paio di volte. Tanto che nVidia ha rilasciato l’aggiornamento dei suoi driver e nel loro changelog dicono espressamente:

nvidia-tim

Davvero curioso che si rilasci un driver video con un bugfix per navigare espressamente su un sito!

Jaunty Pride

Ecco come su Jaunty si presenta il mio desktop Gnome in tutto il suo splendore:

desktop_20090425

Non ho molto da dire, se non che lo sto testando da due mesi e ci lavoro benissimo. È, credo, l’unico desktop scuro che mi abbia convinto in pieno.

Il tema è Dust nella versione Bordered, vale a dire con uno spessore dei bordi delle finestre maggiore (fig. 4) per consentire un più facile ridimensionamento. Il tema Dust lo trovate già su Jaunty, ma la variante Bordered va installata a parte e potete prelevarla dal progetto su Launchpad (la variante è inclusa nel pacchetto -extras).

Il tema delle icone è Gnome-Colors, nella variante Human. È distribuito in 4 colori differenti, tutti molto belli e usabili, e lo trovate su gnome-look.org. Piacevole il fatto che sono specificate icone diverse per file di testo diversi (testo puro, php, diff e altri).

Il font utilizzato per tutto l’ambiente desktop è il Droid, che trovate nei repository e che nel mio sistema sta sostituendo egregiamente il Lucida Grande, altrettanto bello e pulito. Droid è stato disegnato specificamente per lo schermo e in particolare per i palmari della piattaforma Android, sui quali garantisce un’ottima leggibilità. Maggiori dettagli nel comunicato stampa di Ascender Corporation.

Lo sfondo, infine, si chiama Ubuntu Meta, che si intona a pennello nel contesto.

[update] Ho cambiato lo sfondo con questo, di cui ho fatto anche una versione in 4:3.

Ecco alcune immagini.

Unica pecca è la parte alta delle finestre quando queste non sono in primo piano: il contrasto è veramente poco e a volte faccio fatica a trovare l’icona giusta per minimizzare o chiudere una finestra.

WordPress 2.8: alcune novità

Questa mattina, aggiornando la mia versione di sviluppo di WordPress che provo sotto un server Lampp, ho visto alcune delle novità: mi sono piaciute e le condivido con voi. Non sono entrato in ulteriori dettagli e questo è quello che si scopre in una rapida visita.

  • Temi: è possibile adesso installare un tema senza passare dall’anteprima. È stata aggiunta una riga di link con cui effettuare le operazioni: Attiva, Anteprima, Cancella (fig. 1).
  • Temi: è stata aggiunta una pagina sotto Aspetto che consente di installare i temi online, cercandoli in base ai tag del tema (fig. 2): un po’ come già oggi si fa con i plugin. Ho provato a cercare temi con tag “Holiday” e in figura vedete cosa ho trovato (fig. 3).
  • Editor temi: è stato aggiunto il conteggio delle righe dei file relativi al tema, in modo da individuare subito la riga che si sta cercando (fig. 4);
  • Widgets: finalmente (!) una gestione dei widgets più facile! Ora è possibile avere sott’occhio tutte le aree dei widget e aggiungerli in modo più semplice e rapido (fig. 5).

Ecco una galleria di screenshot:

Ma quando sarà possibile riordinare le pagine del proprio blog allo stesso modo di come ora si farà con i widget? :D È vero che col plugin PageMash è possibile, ma meglio avere la funzione integrata in WordPress.