Convertire immagini CMYK di Photoshop in png RGB

Come, grazie ad ImageMagick, sono riuscito a convertire un’immagine di Photoshop in CMYK a una png in RGB.

Oggi dovevo consegnare a un mio carissimo amico prete un’immagine su cui avevo lavorato parecchi anni fa, quando ancora facevo il grafico impaginatore in tipografia. L’immagine è in quadricromia (CMYK) e in formato .psd, quello cioè di Photoshop. Gran bel problema perché Gimp non apre i file .psd in quadricromia. Tento ugualmente l’apertura e questo è il messaggio che mi dà Gimp:

Niente da fare: Gimp in questo caso non mi è d’aiuto. Ero pronto a inviare l’immagine in tipografia per farmi fare una conversione, ma siccome GNU/Linux mi ha abituato a pensare che una strada c’è sempre, non mi sono dato per vinto e qui vi riporto come ho risolto.

Leggi tutto “Convertire immagini CMYK di Photoshop in png RGB”

La tavoletta Wacom e Gimp

Se Gimp non riconosce correttamente gli strumenti dello stilo della vostra Wacom come la pressione e la gomma, quest’articolo spiega in modo semplice come farglieli riconoscere senza alcuna difficoltà.

gimp-bigPer eseguire oggi un piccolo lavoro su Gimp ho pensato di utilizzare la mia tavoletta Wacom 9×12, che non usavo da un bel po’. Attaccato il dispositivo, Jaunty l’ha immediatamente riconosciuta e su Nautilus funzionano correttamente tutte le parti dello stilo, compresi i pulsanti laterali (che eseguono il clic destro e il doppio clic). In Gimp, invece, non mi funzionano nel modo corretto l’eraser (cioè la “gomma”, il pulsante in cima allo stilo) e la pressione: la gomma funziona come un normale pennello, mentre della pressione neanche l’ombra. o.O

wacom_pen.pngSmanettando, però, con le preferenze di Gimp sono riuscito ad attivare anche queste funzioni.
Leggi tutto “La tavoletta Wacom e Gimp”

Riflessione del testo e mascheratura in Gimp

Più di un anno fa commentai sul blog di Luca un suo articolo ben fatto su come riflettere un testo in Gimp. Scrissi che era meglio non cancellare la parte riflessa da nascondere, ma mascherarla. Usare la maschera è preferibile perché la transizione è più morbida e perché con la maschera l’immagine può essere sempre modificata in un secondo tempo.

Ora, uno dei suoi lettori mi chiede come fare. Penso che meglio di un video non ci sia altro. Ecco la mia risposta, sperando che sia comprensibile ciò che si vede! :D