Gestire le partizioni in Ubuntu

In un post soltanto i comandi da terminale per formattare, etichettare, montare partizioni Ext2/Ext3, NTFS, Fat32. Ed infine come riparare partizioni Ext2/Ext3 e montare una ISO.

Ho già scritto più volte su come gestire i propri dispositivi e le proprie partizioni: basta dare un’occhiata al tag “Hard-disk”. È da tempo, però, che volevo annotarmi qui, secondo lo stile tipico di Ubuntu block notes, tutto ciò tengo nelle mie note personali sul desktop. Una sorta di guida rapida ai comandi da terminale per formattazione, etichettatura, montaggio, informazioni e riparazione delle partizioni dei dischi fissi. Sperando che l’articolo, pur non essendo completo, vi sia utile lo stesso.

Per eseguire alcune di queste operazioni, come la formattazione ad esempio, potete usare Gparted che trovate nei repository ufficiali. Ma non tutte, appunto, possono essere eseguite da interfaccia grafica. Tramite il terminale avete tutte le possibilità di intervento relativamente alle partizioni dei vostri dischi fissi. Annotatevele, magari in un post-it di Tomboy, per averle sempre a portata di mano.
Leggi tutto “Gestire le partizioni in Ubuntu”

Nuova pagina wiki: Rinominare dispositivi esterni

Frequentando il forum di Ubuntu-it mi sono accorto che in pochi post, uno dietro l’altro (almeno qui e qui), si chiedeva come fare a rinominare (o etichettare) un disco esterno o una chiavetta USB. Ho cercato nella nostra documentazione Wiki ma non no ho trovato nulla in merito, tant’è che ho deciso di scrivere una pagina in merito. A tempo di record, Alessio Treglia, a.k.a. “quadrispro”, il “Mastro” del Wiki, ha revisionato la pagina ed è già online all’indirizzo http://wiki.ubuntu-it.org/Hardware/DispositiviPartizioni/RinominareDispositiviEsterni. Per “esterni” si intendono sia i dispositivi USB che quelli Firewire. Speriamo di aver reso un servizio utile. :)

Aggiungere un disco fisso esterno Ext3 a Ubuntu

Capire come aggiungere alla nostra Linux box in modo facile un disco esterno formattato in Ext3.

Note
Questo post è la copia identica del precedente con le necessarie modifiche da Fat32 a Ext3. L’ho scritto per motivi di completezza.

drive_removable.png

Leggi tutto “Aggiungere un disco fisso esterno Ext3 a Ubuntu”

Aggiungere un disco fisso esterno Fat32 a Ubuntu

Capire come aggiungere alla nostra Linux box in modo facile un disco esterno formattato in Fat32.

drive_removable.png

Oggi ho aggiunto un disco fisso esterno alla mia Linux-box: un hd da 250 giga in un case con porte Usb 2.0 e Firewire. Come è ormai consuetudine per me, mi appunto qui ciò che ho “combinato” per poterlo usare sul mio amato Sistema Operativo.

Leggi tutto “Aggiungere un disco fisso esterno Fat32 a Ubuntu”

Ripristino di Grub facile

Vi è partito Grub per colpa di Windows o per altri motivi? In questo post è spiegato in modo facile come ripristinarlo.

Ok ok, lo so che in rete esistono tantissime guide e ben fatte su come ripristinare Grub (ne avevo segnalato due qua) se per un qualsiasi motivo questi non possiede più il nostro MBR, ma per me è necessario annotarmi qui cosa ho fatto ieri di preciso. Anzi, ero tentato di rendere il post privato, ma ho visto che andava contro i principi ispiratori di questo blog! :D

Grub o Grub2?
Se si usa Grub2, queste note non vanno più bene.

Leggi tutto “Ripristino di Grub facile”

NTFS-3G: aggiornamento (anche per Feisty)

Avevo scritto qui un post tra i più importanti di questo blog: come riuscire a leggere e scrivere sulle partizioni NTFS grazie al driver ntfs-3g. Ora, l’autore del driver ha (da un po’ di tempo) rilasciata la versione 1.0 (stabile, quindi!) del prezioso driver. Ed ora non c’è più bisogno di smanettare col file /etc/fstab perché è stato aggiunto un utilissimo strumento il quale pensa a tutto: rileva le partizioni ntfs e scrive lui per noi le modifiche al file fstab. Ecco una immagine di ntfs-config:

Il semplice tool per configurare ntfs-3g.
Il semplice tool per configurare ntfs-3g.

Per chi volesse sapere come fare, ecco i semplici passaggi.
Leggi tutto “NTFS-3G: aggiornamento (anche per Feisty)”

Aggiungere un disco fisso interno Ext3 a Ubuntu

Capire come aggiungere un disco fisso interno Ext3 alla nostra Linux box.

Nota
Questo post nasce dopo una chiacchierata con Andynat su Gaim.

Oggi ho aggiunto un vecchio disco fisso interno da 20 Gb alla mia amata distro e ovviamente l’ho formattato in Ext3. Ora lo uso come disco di archivio per i miei file. Ad ogni avvio viene montato, mi appare l’icona sulla scrivania e ho i permessi di lettura e scrittura. Ecco come ho fatto io.
Leggi tutto “Aggiungere un disco fisso interno Ext3 a Ubuntu”

Controllo automatico del disco

Come cambiare il tempo fra una esecuzione del controllo dei filesystem e l’altra in fase di avvio del sistema.

Di default Ubuntu, ogni 30 avvii, forza un controllo del disco fisso da cui viene avviato.

Il valore 30 può andar bene se avviamo e spegniamo il pc una volta al giorno; per cui il controllo avverrebbe una volta al mese. Ma se lo accendiamo e spegniamo più volte durante la giornata, questo può diventare una seccatura.

Poniamo il caso che accendiamo il pc due volte al giorno e che il controllo fatto una volta al mese vada bene. Per cambiare l’intervallo del controllo del disco, apriamo un terminale e digitiamo:

sudo tune2fs -c 60 /dev/sda1

dove 60 sta per 60 avvii, visto che lo avviamo due volte in un giorno (2 avvii x 30 giorni) e /dev/sda1 è il disco da cui parte Ubuntu. Ovviamente dovete personalizzare questo parametro mettendo il vostro disco. Per sapere quale sia, aprite il terminale e digitate:

df

che vi restituirà tutte le informazioni necessarie; a voi interessa soprattutto la root (indicata nella colonna “Montata su /”) e la home se l’avete in una partizione separata (“Montata su /home”).

Nota
Per conoscere le impostazioni attuali con cui viene controllato il disco, dare nel terminale:

sudo dumpe2fs -h /dev/sda1 | grep -i 'mount count'

dove va sostituito sda1 con il proprio device (sda2, sda3, ecc.)

Forzare un controllo del disco al riavvio

Per forzare un controllo delle partizioni Linux al prossimo riavvio, basta creare un file vuoto nella propria root di nome forcefsck. Ecco un comando veloce da terminale:

sudo touch /forcefsck

Photo courtesy: nickwheeleroz, Connecting to the Interweb Tubes, CC by-nc-sa.