La censura del ghiaccio

C’è del “vecchio” in tutto questo, che se l’industria del ghiaccio è messa di fronte ad un nuovo modo di produrre e consumare, allora è l’industria che deve adattarsi. O morire. Non i diritti dei consumatori. Non la nuova tecnologia dei frigoriferi domestici.

Guido Iodice, L’industria del ghiaccio che sciolse Internet.

Timeo Danaos et dona ferentes

Alessandro Bottoni ha scritto un suo interessante punto di vista sulla possibilità, a partire dal prossimo gennaio, di collegarsi alle reti Wi-Fi senza restrizioni e senza controlli.

Ho la netta sensazione che uno come Bruce Schneier potrebbe esprimersi con argomentazioni simili alle sue.

Note
Aggiornamento dell’11 novembre 2010. Mi fa piacere che Bruce Schneier, nell’intervista rilasciata a Stefania Maurizi, abbia confermato questo mio pensiero.

FoolDNS e la privacy

L'immagine di apertura del sito di FoolDNS

Se siete stufi del costante tracciamento della vostra navigazione e della onnipresente pubblicità in rete (spesso con animazioni Flash davvero pesanti per chi come me ha un vecchissimo PC), allora cambiate il vostro DNS server. È nato da poco (ed è ancora in fase di beta a invito) FoolDNS, un DNS server che non solo tutela la vostra privacy durante la navigazione, ma blocca tutti i circuiti pubblicitari che non aderiscono a stretti rigori etici imposti dal nuovo servizio:

Ogni volta che aprite una pagina web, ogni volta che appare un banner, ogni volta che eseguite particolare codice, una buona parte di vostre informazioni personali passano di mano: non le state dando al sito che visitate, ma a network che le utilizzano. Spesso senza che voi ne sappiate la destinazione.
FoolDNS blocca la maggior parte di questi tentativi di intrusione nella vostra privacy. […]
Enormi circuiti acquisiscono senza il nostro consenso informazioni di navigazione, riuscendo anche a triangolare le nostre preferenze su vari siti. Acquisendo informazioni e know-how su chi siamo, cosa facciamo, che siti navighiamo. Tutto senza il nostro esplicito consenso. […]
FoolDNS memorizza l’IP che effettua le query al DNS per 90 minuti o 1Mb di log, quale dei due sia superiore. Trascorso questo periodo (in realtà anche meno di 60 minuti a regime) i log del servizio DNS vengono epurati dell’IP e permangono nelle statistiche di utilizzo con il solo nome richiesto. Le statistiche di utilizzo saranno pubbliche.

Per poter partecipare alla beta di questo servizio, è sufficiente inoltrare la vostra adesione da questa pagina (troverete un indirizzo email) e, se sarà accolta la vostra richiesta, vi saranno inviate tutte le informazioni necessarie. I benefici, comunque, non si fermano solo a quelli elencati: nel sito trovate tutti i dettagli.

“La mia rete wireless aperta”

Leggevo sulla newsletter di Cryptogram.it questo articolo di Bruce Schneier, apparso originariamente su Wired. Per chi non lo conoscesse,

Bruce Schneier is an internationally renowned security technologist and author. Described by The Economist as a “security guru,” Schneier is best known as a refreshingly candid and lucid security critic and commentator. When people want to know how security really works, they turn to Schneier.

In questo articolo descrive i motivi che lo portano a tenere aperta e accessibile a tutti la propria connessione ad Internet. Non tutti condivideranno la sua scelta, ma le motivazioni sono, in my humble opinion, assolutamente interessanti. Vi riporto integralmente l’articolo tradotto in italiano dal gruppo di lavoro della newsletter.
Leggi tutto ““La mia rete wireless aperta””