TrueCrypt 6.0 e il volume nascosto

TrueCrypt consente la creazione di volumi virtuali cifrati dove conservare i nostri dati al sicuro da sguardi indiscreti. Ma offre anche la possibilità di creare volumi nascosti, irrilevabili se non si sa che esistono. Una lettura chiarirà meglio il concetto.

TrueCrypt 6.0 per Linux

Grandiosa novità per il nostro pinguino! Se siete utilizzatori del software di crittografia TrueCrypt, sicuramente vi farà piacere sapere che è uscita la versione 6.0 del noto software per la creazione di volumi cifrati. La novità più ghiotta è la possibilità, finalmente, anche per Linux (e Mac) di poter creare un volume nascosto all’interno di […]

Cryptogram, una newsletter sulla sicurezza

Avevo già parlato di Bruce Schneier e della sua seguitissima newsletter, che conta qualcosa come 100.000 lettori a maggio 2008, senza contare quelli delle edizioni tradotte (Bruce ne stima altri 25.000). Se siete utenti che prestano attenzione ai temi della sicurezza, probabilmente la conoscerete, altrimenti datele un’occhiata. In questo post vorrei raccogliere l’appello di Bruce […]

Il vostro sito WordPress è stato violato?

Questo articolo è stato scritto da Donncha O Caoimh proprio ieri, 8 giugno 2008. Mi è parso di assoluto interesse e vi propongo, dietro il permesso personale dell’autore, una mia traduzione. La traduzione è rilasciata sotto licenza Creative Commons BY-ND, Attribuzione – Non opere derivate. Le note a pie’ di pagina sono mie, così come […]

Truecrypt 5.0 per Ubuntu Linux

Come promesso, anche se con lieve ritardo, è uscita la versione 5.0 dell’ormai famoso software di creazione di volumi cifrati: TrueCrypt. Esiste un deb già pronto per essere usato nella propria Ubuntu-box; eventualmente sono disponibili i sorgenti per la compilazione in proprio. Che dire di questo software? Già ho detto: basta fare clic sul tag […]

EasyCrypt 0.2.2.4: update importante

È stata rilasciata dal buon Steven la nuova versione di EasyCrypt con un update a cui prestare molta attenzione. Truecrypt, il software alla base di EasyCrypt, non permette l’uso di lettere accentate nelle proprie password, in modo da garantire la portabilità dei propri archivi. EasyCrypt, al contrario, permetteva (almeno fino alla versione 0.2.2.2) l’uso di […]