Ottimizzare i link per Google: i Canonical URLs

Nota

Dalla versione 2.9 di WordPress questa funzione è implementata nel core, per cui non è più necessario aggiungerla.

google150

Cosa sono i “Canonical URLs”? Una rapida occhiata alla pagina di Wikipedia e in particolare al paragrafo Normalization_process ci dovrebbe illuminare abbastanza, tanto da farci prendere le dovute precauzioni. 🙂 In poche parole si tratta di questo: una data pagina potrebbe essere raggiungibile attraverso distinti indirizzi, ad esempio:

  1. https://www.aldolat.it/miopost/
  2. https://www.aldolat.it/miopost/comment-page-1/
  3. https://www.aldolat.it/miopost/comment-page-2/

ecc., e tutti con o senza trailing slash (/), con tutte le lettere maiuscole e minuscole, ecc. Tutto questo comporta che lo stesso identico articolo possa comparire nei motori di ricerca sotto diversi indirizzi. Google ci dà la possibilità di definire quale sia una volta per tutte l’indirizzo che preferiamo per ogni pagina/post creato utilizzando il tag <link> all’interno del tag <head> di ogni pagina. Lo possiamo fare in modo semplice modificando il file del nostro tema.

Dal backend di WordPress modificate il file header.php del tema in uso e subito prima del tag di chiusura </head> inserite queste righe:

<?php global $wp_query;
  if (is_single() || is_page()) {
    echo '<link rel="canonical" href="' . get_permalink($wp_query->post->ID) . '" />';
  } ?>

Salvate il file, aprite una pagina statica o un post e osservate il codice generato (da Firefox CTRL+U); scorrete le righe fino al tag </head> e accertatevi che vi sia l’output corretto del codice inserito prima, vale a dire una riga del tipo:

<link rel="canonical" href="http://www.miosito.it/2006/miopost/" />

Con estrema semplicità adesso Google saprà che tutti i duplicati fanno riferimento a un link “canonico”. Nel link all’Official Google Webmaster Central Blog trovate anche una serie di FAQ interessanti.

[EDIT]
Si intende che potrete vedere il codice HTML generato dalle righe di PHP solo nelle pagine singole degli articoli o in quelle statiche (com’è giusto che sia: sono quelle le pagine che hanno il link “canonico” o “sorgente”). Non l’avevo fatto notare a modo nel post.

aldolat

Il blocco note di Aldo.


Se lo stesso articolo può comparire sotto diversi indirizzi web, voi potete stabilire sotto quale indirizzo Google deve considerare quello principale. Basta l'inserimento di poche righe di codice.